Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Recensione del Limitone - Muffa Nobile - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Muffa Nobile : Recensione del Limitone
di syrah , Wed 28 December 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  



Su richiesta di mio fratello Pasquale
recensisco il Salice Salentino “Limitone dei Greci” (Negroamaro 80% Malvasia Nera di Lecce / 13,5% Alc/Vol), 2008, di Paolo Leo / via Tuturano 21, 72025 San Donaci (Brindisi)

Tramontana e Greco Jonio,
Mezzogiorno e Libeccio Adriatico,
senza alcun ostacolo collinare,
influiscono prepotentemente,
come quasi in tutti i vini del Salento,
sulla grande sapidità,
amplificata dalla terra rossa, minerale, ferrosa,
che si incontra da Brindisi a sud.
Il colore granato e la discreta tannicità,
evidente fin dal primo sorso,
fanno intuire spremiture successive delle uve utilizzate.
Anche ossigenato,
il vino mantiene a lungo il suo gusto persistente
e solo alla fine suggerisce un leggero retrogusto di melograno maturo.
Vino da abbinare necessariamente ai piatti tipici
della cucina salentina, con presenze importanti di verdure,
ortaggi, capperi, olive, oppure a formaggi stagionati.

Syrah



Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 28/12/2011 8:00  Aggiornato: 28/12/2011 8:00
Mio padre, conoscitore di buoni poemi e di ottimi vini, soleva ripetere che:

"Il poema dell'astemio non ha mai raggiunto l'immortalità".

Ed è vero!
Inviato: 28/12/2011 8:34  Aggiornato: 28/12/2011 8:39
Autore: fulmini

Questo aforisma paterno, Luigi, apre una nuova prospettiva alle mie fatiche poetiche.

Entriamo ora nel merito enologico. Come recita la Bibbia Wikipedia, “non vi sono evidenze che il Limitone dei Greci sia mai esistito in forma di un'opera difensiva continua, come la Muraglia Cinese o il Vallo di Adriano”, ma rendo testimonianza che il Limitone in forma di vino esiste, eccome, è stato generosamente proposto da Raffaele A. all’attenzione dei maestri bevitori Giuseppe M. e Pasquale M.

Maestro Giuseppe ha per l’occasione cucinato un cinghialotto di tenera ascendenza etrusca. Pasquale, che, al suo solito, si è LIMITATO ad assaggiare e bere – è stato eletto all’unanimità Limitone in Forma Umana.

Pasquale
Inviato: 28/12/2011 10:58  Aggiornato: 28/12/2011 15:50
Questa è musica che s'accompagna bene a questo vino:

Inviato: 28/12/2011 11:03  Aggiornato: 28/12/2011 11:03
Autore: fulmini

Inviato: 28/12/2011 11:06  Aggiornato: 28/12/2011 11:06
Sì, proprio
Inviato: 29/12/2011 14:04  Aggiornato: 29/12/2011 14:04
Bello!

didone