Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

briciole musicali : Ferrabosco
di venises , Tue 24 January 2012 3:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Quando, nel lontano luglio 2007, incitati da Pasquale, iniziammo a curare questa rubrica mai ci saremmo immaginati che un giorno avremmo trovato l'ardire - in un universo dominato dal 'mordi e fuggi' e dall'onnipresente distrazione - di proporvi musiche di tale Ferrabosco. Quel giorno è invece arrivato.

Ad evitare (sempre possibili) confusioni, precisiamo che parliamo del compositore inglese Alfonso Ferrabosco detto "il Giovane", figlio del compositore italiano Alfonso Ferrabosco detto "il Vecchio" e padre del musicista inglese Alfonso Ferrabosco III.




Alfonso Ferrabosco (1575–1628) detto "il Giovane": Di Sei Bassi




Alfonso Ferrabosco (1575–1628) detto "il Giovane": Almaine

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 24/1/2012 7:42  Aggiornato: 24/1/2012 7:42
Autore: fulmini

Buona musica, Venises - grazie.

Quattro anni e mezzo di buona musica. Sempre accompagnata da notazioni etiche ed estetiche, di storia della cultura e geografia del destino. Qui, l'italiano che fa due figli inglesi mi ha dato molto da pensare.

Buona giornata.

Pasquale
Inviato: 24/1/2012 9:01  Aggiornato: 24/1/2012 9:01
Autore: venises



(anche a te)
Inviato: 24/1/2012 17:18  Aggiornato: 24/1/2012 17:18
Autore: fulmini

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare. Questo Alfonso Ferrabosco il Giovane ormai accompagna il mio pomeriggio, 'il mio autunno'. Se non ci fosse Venises, bisognerebbe inventarlo.