Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : Il cinema soggettivo
di fulmini , Thu 27 October 2011 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Come è fatto un cineasta come me? Cosa vede? Come lo vede? Un cineasta come me, come Ford, come Antonioni, come Tarkovskij, come Pasolini, è fatto della materia di cui è fatto l’intero mondo: dunque non solo di facce e corpi e parole di viventi umani, ma figure e canti e danze di viventi non umani, e laghi e deserti e montagne e stelle. Tutto questo vede. Come lo vede? Soggettivamente.

Ecco, un giorno dopo l’altro, cosa ho visto, di lato a San Martino ai Monti, e di fronte alla mia finestra. Soggettivamente, certo: notate la medesima dolce inclinazione dell’albero e della barista.

albero

P.M., Roma, 25 ottobre 2011 15:46

barista

P.M., Roma, 26 ottobre 2011 11:21

(John Ford ‘soggettivo’? Sì, ragazzi. Notate soltanto l’apparizione di John Wayne in ‘Stagecoach’ (Ombre Rosse) – da 15 secondi a 21 secondi.)

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti