Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

a quattro mani : Fare insieme
di fulmini , Mon 8 August 2011 9:50
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

L’amico, l’amante, la sirena.


Un giorno, anzi una notte, Helmut e Francesco passeggiavano lungo il porto.

Avvicinatisi all’acqua, osservavano i pesci. Helmut si sporge e ne carezza uno.

Francesco rimane di stucco e domanda al pesce: “Vi conoscete?”

Il pesce, calmo: “E tu, lo conosci a Helmut?”

Francesco: “Certo! Abbiamo fatto insieme il servizio di leva a Civitavecchia. E tu, dove lo hai conosciuto?”

Il pesce: “Anche io l’ho conosciuto a Civitavecchia. Nel mare Tirreno. Si è immerso, l’ho visto e abbiamo fatto subito amicizia.”

Francesco guarda Helmut, guarda il pesce, e dice: “Allora tu sei la sirena di nome Alexandra!”

Helmut guarda Francesco, guarda la sirena, e dice: “Infatti. Alexandra regala la sua amicizia, ma soltanto a chi se la merita.”

Francesco si sporge e dice: “E l’amore lo vogliamo regalare?”

La sirena Alexandra si mette a cantare.

Francesco ed Helmut salutano Alexandra e proseguono ballando la passeggiata.

Nel cielo c’è la Luna, ma arriva anche il Sole.


(Giuliano Cabrini e Pasquale Misuraca coautori)


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 8/8/2011 15:49  Aggiornato: 8/8/2011 16:47
L’andare ed il discorrere in terre indefinibili e senza tempo, sembra voler sfuggire alla pesantezza della vita, non per fuggire semplicemente nel sogno e nell’irrazionale, ma per voler cambiare l’approccio, guardare il mondo con un’altra ottica, un'altra logica, altri metodi di conoscenza e di verifica… e l’acqua scelta dai due amici come teatro dell’incontro surreale, sostiene e alleggerisce ogni corpo ed immagine, anche quella di Alexandra.
Alexandra detta AlfaZita
Inviato: 8/8/2011 17:44  Aggiornato: 8/8/2011 17:44
Un racconto che lascia sospesi e attoniti, come nell'aria o nell'acqua... Leggendolo non mi sono venute in mente immagini e suoni di cose naturali come le nuvole o i cieli o le onde o i raggi, ma di opere umane, pagine di Calvino e Kafka e Gogol e Borges, quadri di Cagnaccio da san Pietro e Hopper e Chagall, musiche di Satie e Stravinsky, opere teatrali di... Alexandra... sirena e musa...
Pasquale detto Fulmini