Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

il legame : Mondo Nuovo (Geografia)
di venises , Sun 24 April 2011 6:30
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Il mondo sta cambiando. Con esso, dovrebbero cambiare le categorie che usiamo per comprenderlo.
Molti dei nostri amici (quasi tutti, in realtà - in ogni caso i migliori: degli altri non c'occupiamo) sono intensamente rivolti al passato mentre il futuro s'avvicina alle loro spalle.

Oggi continuiamo questa nostra 'polemica amicale' occupandoci della geografia (in verità dell'economia)1.




Martin Jacques: Understanding the Rise of China




Hans Rosling: L'ascesa dell'Asia: Come e Quando



1 Cogliamo l'occasione per segnalare l'interessante sito TED .

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 24/4/2011 9:29  Aggiornato: 24/4/2011 9:29
Autore: fulmini

@ Venises

Lezioni molto interessanti, e molto spiritose. La civiltà occidentale sta rendendosi lentamente conto che altre civiltà stanno avanzando e presto le contenderanno l'egemonia mondiale. Ancora più lentamente sta rendendosi conto che si trova, da un secolo, in una situazione storico-politica di crisi organica.

Pasquale Misuraca
Inviato: 25/4/2011 12:03  Aggiornato: 25/4/2011 13:28
Autore: fulmini

Bella scoperta, questa di TED. Oggi ho visto-e-sentito un buon audiovideo di un quarto d'ora su La grande storia, la storia degli ultimi 13, 7 miliardi di anni.
Inviato: 25/4/2011 13:45  Aggiornato: 25/4/2011 13:45
Autore: venises

Ad onor del vero, non è mia.
La devo a mia volta a Lorenzo.
Inviato: 28/2/2013 23:09  Aggiornato: 28/2/2013 23:22
Autore: venises

Sarà sempre difficile resistere alla tentazione d'eleggere il proprio ombelico quale centro del sistema di riferimento universale.
Questa settimana (siamo a fine febbraio del 2013) sembra esserci un grande interesse - anche sul nostro sito - per il cosiddetto Movimento 5 Stelle, un'accozzaglia forte di un certo numero d'idee confuse fra le quali quella - davvero stravagante, ma non da loro inventata - che la 'Rete' sarebbe luogo e modello di democrazia.

Noi, con la sola ambizione di scuotere le coscienze di non più di un paio di lettori, vorremmo invece sostenere che avvenimento ben più importante questa settimana sia stato l'intervento di un certo signore (il cui nome non ha importanza) ai TED2013 talks (in corso nel medesimo luogo, ovverosia la 'Rete') nel quale s'illustra brevemente un aspetto del nostro futuro prossimo: gli oggetti che si auto-assemblano, copiando i processi viventi - stiamo parlando d'attraversare la definizione stessa di vita, quella fra mondo 'inanimato' e natura 'animata' (oooops, perdonate il paradosso linguistico, appunto!).

Il momento più emozionante del video, secondo noi?
La presentazione del team.



Nel corso della conferenza, altri interventi si sono occupati di come il Movimento 5 Stelle (et similia) scomparirà.

Inviato: 1/3/2013 12:30  Aggiornato: 1/3/2013 12:30
Autore: fulmini

Venises, buon giorno.
Sono colpito dal video sugli "oggetti che si auto-assemblano". Ci penserò sopra e sotto.
Gli altri video non li intendo per ignoranza della lingua inglese.
Ho capito genericamente, quindi poco, il riferimento ombelico-Convivio.
Sono colpito dalla stroncatura del Movimento 5 Stelle. Io ci sto pensando intensamente sopra e sotto.
Pasquale
Inviato: 1/3/2013 14:16  Aggiornato: 1/3/2013 14:16
Autore: venises

Caro Pasquale,
il riferimento (il migliore nel suo genere) a quello che io considero forse il più grande intellettuale italiano, Dante Alighieri, è legato al passaggio sulla presentazione del team - e al triste protagonismo di tanta intellettualità e di certa politica (appunto). In più è un riferimento a quando l'Italia era grande ed universale.

So bene che tu stai riflettendo e che t'interessi al Movimento 5 Stelle. Assolutamente legittimo.
Io no, non me ne occupo e non me ne occuperò.
Preferisco riflettere sulle ragioni che rendono possibili fenomeni come questo (non fermiamoci al M5S, che è irrilevante), sulle ragioni che spingono 1/4 degli italiani a preferire di sottoporsi ad un'operazione chirurgica eseguita da un individuo senza alcuna qualifica medica (nemmeno di base), rischiando in proprio.
Questo si, è un fenomeno straordinario.

Eh, se la sinistra non avesse abbandonato il sistema dell'istruzione e della ricerca al proprio destino (non mi riferisco agli ultimi sei mesi ma dagli anni sessanta in poi)!
Eh, se la sinistra avesse voluto modernizzare il paese (non mi riferisco agli ultimi sei mesi ma dagli anni sessanta in poi)!
Voilà il link all'ultimo video.

Inviato: 1/3/2013 15:35  Aggiornato: 1/3/2013 15:35
Autore: fulmini

Venises, ho capito un po' di più.
Una parola soltanto sul Movimento 5 Stelle (domani ci ritorno sopra con un post).
E' vero. La sinistra italiana non ha riformato radicalmente l'istruzione, la ricerca eccetera - dello Stato nazionale italiano. E prima ancora: non ha riformato radicalmente la propria cultura. E, quanto alla politica: ha continuato a ritenere il partito politico il centro dell'attività politica.
Ora, a me pare che una buona parte dei voti al Movimento 5 Stelle provenga da cittadini che non ritengono più i partiti politici (di sinistra, di centro, di destra) come centri dell'attività politica, e che sperimentano - contraddittoriamente, confusamente - nuove forme di organizzazione politica(-culturale).
Come sai, è da anni che ritengo i partiti e lo Stato superati, e cerco di individuare i tentativi sperimentali del nuovo (e più in generale di teorizzare le forme e i contenuti di una 'nuova politica').
Tu escludi assolutamente che qualcosa di nuovo e di buono si trovi (contraddittoriamente, confusamente - s'intende) anche nel Movimento 5 Stelle. Io non escludo. E penso che il Movimento 5 Stelle non sia, in ogni caso, irrilevante. Vedremo. Anche queste nostre riflessioni mi aiuteranno a sentire-comprendere-capire meglio quel che bolle nella pentola della storia e nelle nostre appassionate menti.
Pasquale