Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : MERCURIALE1.Miracoli e Reati
di fulmini , Wed 19 January 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

(Comincia oggi l'appuntamento settimanale del mercoledì, il giorno di Mercurio, il dio della comunicazione.}


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 19/1/2011 9:43  Aggiornato: 19/1/2011 9:43
Non poteva essere meglio esposto il concetto di eguaglianza. Complimenti vivissimi. Filippo Piccione
Inviato: 20/1/2011 8:29  Aggiornato: 20/1/2011 8:29
Complimenti da syrah; grande capacità di sintesi e sempre più tele visivo.
Inviato: 20/1/2011 8:45  Aggiornato: 20/1/2011 11:01
Autore: fulmini

@ Filippo ed a Syrah

Sono contento dei vostri complimenti (fatti da organizzatori culturali del vostro calibro fanno specialmente bene), e di diventare sempre più televisivo: proprio alla televisione pensavo registrando questo primo video di una serie, alla televisione attuale che raramente ci descrive il particolare (per vedere tutto da vicino) e poi ci indica i modi per salire al generale (per vedere tutto da lontano).

Naturalmente questa serie video attende i contributi di tutti i coautori del sito-rivista. Io mi limito a lanciare certe idee ed a coordinare l'insieme.
Inviato: 21/1/2011 1:21  Aggiornato: 21/1/2011 5:59
Aggiungo, a proposito di 'miracoli' ed 'eguaglianza': Gesù di Nazareth non parla di 'miracoli' né dice di averli realizzati. Sono gli autori dei Vangeli che usano la parola 'miracolo' per riferirsi a certi 'fatti' sui quali Gesù dice che 'ognuno può fare cose anche più grandi di queste' (cito a memoria). Inoltre, Gesù rimprovera gli amici (detti 'discepoli' dagli autori dei Vangeli ma non da Gesù stesso) quando gli raccontano di non aver potuto guarire certi malati o scacciare certi demoni. Spiega loro che non lo hanno potuto fare perché non hanno avuto sufficiente fiducia in se stessi. Come dice Gramsci: 'solo chi fortemente vuole identifica i mezzi necessari per realizzare la propria volontà'. E come dice Pasquale, siamo tutti uguali davanti alle leggi della natura.
Luis Razeto
Inviato: 22/1/2011 13:47  Aggiornato: 22/1/2011 13:54
Aggiungo ancora, per capire certi 'fatti' che vengono ritenuti 'miracoli'. Nella natura, è certo, operano le 'leggi di natura'. Ma non tutta la realtà naturale è soggetta a 'leggi'. Di fatto la natura, nella sua evoluzione, ha dato luogo a essere viventi, a essere coscienti e liberi, a menti e spiriti, uomini e donne capaci di raggiungere altezze e perfezioni insospettate, che agiscono 'naturalmente' creando e producendo opere e fatti che ci sorprendono e ci meravigliano.
Luis Razeto
Inviato: 22/1/2011 14:06  Aggiornato: 22/1/2011 14:31
Autore: fulmini

Leggendo il commento precedente di Luis, mi torna in mente la voce 'Legge fisica (o Legge di natura)' di wikipedia, nella quale si trova questo interessante brano:

"Dal punto di vista storico, il concetto di legge della natura si sviluppa a partire dal Seicento, con i primi lavori di Cartesio (probabilmente vero teorico della nozione), Keplero (che ha scoperto le tre leggi del movimento planetare) e Galilei (che ha fatto i primi esperimenti nel senso moderno della parola). Tra questi tre scienziati ci sono grandi differenze riguardo al loro contributo alla formazione del concetto di legge della natura, che avrà un ruolo importante nello sviluppo della scienza moderna.

I concetti di legge divina e legge giuridica sono storicamente anteriori a quello di legge scientifica."

E' la conclusione per me particolarmente interessante: il concetto di legge di natura è storicamente successivo ai concetti di legge divina e di legge giuridica. E, occorre aggiungere, risente culturalmente di questa precedenza.

Pasquale Misuraca