Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 109 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Lu Guarracino - briciole musicali - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

briciole musicali : Lu Guarracino
di venises , Fri 11 February 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  




Lu Guarracino - canzone napoletana del '700
(interpretata da Marco Beasley)



Lu Guarracino che gghìeva pe' mmare
teneva voglia de se 'nsurare.
Se mettette nu bello vestito
de scarde e de spine, pulito pulito.
Cu 'na parrucca tutta ncrifata
de ziarelle mbrasciulate,
cu lu sciabò, scuollo e purzine
de ponta angrese fine fine.

Cu lì cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno
e sciammeria e sciammerino
d'aleghe e pile de voje marine,
cu buttune e buttunere
d'uocchi de purpe, secce e fere,
fibbie, spata e schiocche 'ndurate
de niro de seccia e fele d'achiata,

'ddoie belle cateniglie
de premmone de cunchiglie,
'nu cappiello aggallunato
de codarini d'aluzze salate.
Tutto pòsema e steratiello
jeva facenno lu sbafantiello,
gerava da 'cca e da là
la 'nnammurata pe se truvà.

La Sardella a lu barcone
steve sunanno lu calascione
e a sono de trumbetta
ghieve cantanno 'sta arietta:
"O larello o marellena
e la figlia da zì Lena
ha lassato lo 'nnammurato
pecché niente l'ha rialato!"


Lu guarracino che la guardaje
de la sardella se 'nnammuraje,
se ne jette da la Vavosa
la 'cchiu 'bbecchia maleziosa.
L'ebbe 'bbona rialata
pé mannarle 'na mbasciata.
La vavosa pisse pisse
chiatto e tunno 'nce lo disse.

La sardella che la sentette
rossa rossa se facette,
pè lu scuorno che se pigliaje
sotto a 'nu scuoglio se 'npezzaje.
Ma la vecchia de la vavosa
subbeto disse: "Ah schefenzosa,
De sta manera non truove partito
'ncanne te resta lu marito!

Si aie voglia de te allucà
Tante smorfie nun aje da fa:
fora le zeze e fora lu scuorno,
anema e core, faccia de cuorno! "

Ciò sentenno la zì Sardella
S'affacciaje a la fenestella,
facette l'uocchie azzennarielle
a lu speruto 'nnammuratiello.

Ma la patella che steva de posta
la chiammaje "faccia tosta,
Tradetora, sbregognata,
senza parola e malenata
ch'avea 'nchiantato l'Allitterato
primmo e antico 'nnammurato.
De carrera da chisto jette
e ogni ccosa le ricette.

Quanno la 'ntise lo puveriello
se lo pigliaje Farfariello,
jette a la casa, se armaje a rasùlo,
se ncarricaje comme a nu mulo
de scuppette, de spingarde,
povere, palle, stoppa e scarde,
quatte pistole e tre bbajonette
dinto a la sacca se mettette

Ncoppa a li spalle settanta pistune,
ottanta bombe e nuvanta cannune
e comme a Guappo Uallarino
ghieva truvanno lo Guarracino.
La desgrazia de chisto purtaje
che mmiezo a la piazza se lo ncuntraje!
Se l'afferra po' cruattino
e ppò le dice: "Ah malandrino

tu me lieve la nnammurata
e pigliatella sta mazziata!"

Tuffete taffete a meliune
le deva paccare e secuzzune
Schiaffe ponie e perepesse
scuppulune fecozze e cunnesse
scerevecchiune e sicutenosse
e l'ammacca uosse e pilosse!

Venimmancenne che a lu rummore
pariente e amice ascettero fore
chi cu mazze curtielle e curtelle
chi cu spate spatune e spadelle
chillo cu varre chisto cu spito
chi cu ammennole e chi cu antrito
chi cu tenaglie chi cu martielle
chi cu turrune e susamielle!

Pate, figlie, marite e mmugliere
s'azzuffajeno comm a ffere,
a meliune correvano a strisce
de chisto partito e de chille li pisce!
Che bediste de sarde e d'alose
de palamete e raje petrose
sarache dientece e achiate
scureme tunne e allitterate

pisce palummo e piscatrice
scuorfane cernie e alice
mucchie ricciole musdee e mazzune
stelle aluzze e sturiune
merluzze vongole e murene
caperuoglie orche e vallene
capitune auglie arenghe
ciefale cuocce tràcene e tenghe

treglie tremmole trotte e tunne
feche cepolle laùne e rutunne
purpe secce e calamare
pisce spata e stelle de mare
pisce palumme e pisce rnartielle
voccadoro e cecenielle
capechiuovo e guarracine
cannulicchie ostreche e angine

vongole cocciole e patelle
piscecane e grancetielle
marvizze marmure e vavose
vope prene, vedove e spose
spìnole spuònole sierpe e sarpe
scàuze nzuòccole o cu lli scarpe
scunciglie gammere e raoste
vennero 'nfino cu lli poste!

Capitune saure e anguille
pisce gruosse e piccerille
d'ogni ceto e nazione
tantille, tante, cchiù tante e tantone!
Quanti botte mammamia
che se deveno arrassosia!
A centenaro le varrate,
a meliune le pretate,

muorze e pizzeche a bbeliune,
a deluvio le secuzzune,
nun ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogni luoco!
Tettettè ccà pistulate
tattattà là scoppettate
tuttuttù ccà li pistune
bubbubbù là li cannune

Ma de cantà so ggià stracquato
e me manca mò lu sciato
sicché dateme licenzia
graziosa e bella audienzia
nfi che sorchio "na meza de seje"
co salute de luje e de leje
cà se secca lu cannarone
sbacantannose lu premmone!

Il guarracino che andava per mare
aveva voglia di sposarsi.
Si mise un bel vestito
di squame e di spine, pulito pulito.
Con una parrucca tutta imbottita
di ziarelle arrotolate,
con lo sciabò, scollo e polsini
di punto inglese, fino fino.

Con i calzoni di reti di fondo,
scarpe e calze di pelle di tonno
e mantella e mantellina
di alghe e peli di voje marine,
con bottoni e bottoniere
di occhi di polipi, seppie e fere.
fibbie, spada e fiocchi ricoperti
di nero di seppia e fette d'occhiata,

due belle catene
di polmoni di conchiglie,
un cappello gallonato
di codini di alucce salate.
Tutto schizzinoso e ben stirato
faceva il damerino,
girava quà e là
la fidanzata per trovarsi.

La Sardella al balcone
stava suonando il calascione
e a suono di trombetta
cantava questa arietta:
"O larello o marellena
e la figlia della zia Lena
ha lasciato il fidanzato
perché niente gli ha regalato!"


Il guarracino che la guardò
della sardella si innammorò,
se ne andò dalla Bavosa,
a più vecchia maliziosa.
Le diede una bella mancia
per mandarle un messaggio.
La bavosa pissi pissi
grasso e tondo glielo disse.

Nel sentirla, la sardella
arrossì
e per la vergogna che la prese
sotto uno scoglio si infilò.
Ma la vecchia bavosa
subito disse: "Ah schifiltosa,
in questa maniera non trovi un partito,
in gola ti resta il marito!

Se hai voglia di piazzarti,
tante smorfie non devi fare:
fuori lo charme e via la timidezza,
anima e cuore, faccia tosta! "

Ciò sentendo, la zia Sardella
s'affacciò alla finestrella
fece gli occhi dolci
all'ingolosito innamoratello.

Ma la patella, che stava appostata,
la chiamò "faccia tosta,
traditora, svergognata,
senza parola e malnata,
perché aveva piantato il Letterato,
primo e antico fidanzato
Di carriera da questo andò
e ogni cosa gli disse.

Quando la sentì il poveretto
se lo prese Farfariello! (un demonietto),
andò a casa, s'armò di rasoio,
si caricò come un mulo
di schioppi, di spingarde,
polvere, palle, stoppa e schegge,
quattro pistole e tre baionette
in tasca si mise.

Sulle spalle settanta colubrine,
ottanta bombe e novanta cannoni
e come Guappo Uallarino
andava cercando il Guarracino.
La sfortuna volle
che in mezzo la piazza lo incontrò
L'afferra per il cravattino
e poi gli dice: "Ah malandrino

tu mi levi la fidanzata
e prenditela questa bastonatura!"

Tuffete taffete a milioni
gli dava paccare e secuzzune
schiaffi pugni e perepesse
scuppulune fecozze e cunnesse
scerevecchiune e sicutenosse
e gli pesta ossa e cartilagini!

E vediamo che al rumore
parenti e amici uscirono fuori
chi con mazze coltelli e coltellini
chi con spade spadone e spadini
quello con sbarre, questo con spiedo
chi con ammennole e chi con antrito
chi con tenaglie chi con martelli
chi con torroni e salamini!

Padri, figli, mariti e mogli
s'azzuffarono come fiere
a milioni accorrevano a frotte
di questa fazione e di quella i pesci!
Quante ne vedesti di sarde e di alose
di palamiti e raje pietrose
saraghi dentici e occhiate
scurmi tonni e letterati

pesci palombo e pescatrici
scorfani cernie e alici
mucchi ricciole musdee e mazzoni
stelle alucce e storioni
merluzzi vongole e murene
capodogli orche e balene
capitoni aguglie e aringhe
cefali cocci tracine e tinche

triglie tremmole trotte e tonni
fichi cipolle laùne e rotondi
polipi seppie e calamari
pesci spada e stelle di mare
pesci palombo e pesci martello
boccadoro e cicinielli
testa di chiodo e guarracini
cannolicchi ostriche e angine

vongole cocciole e patelle
pescecani e granchietti
marvizzi marmure e bavose
vope pregne, vedove e spose
spìnole spuònole serpi e sarpe
scalze con zoccoli o con scarpe
paguri gamberi e aragoste
vennero perfino con le diligenze!

Capitoni sauri e anguille
pesci grossi o piccini
d'ogni ceto e nazione
di tutte le taglie!
Quante botte mammamia
che si davano alla cieca!
A centinaia le barrate
a milioni le pietrate,

morsi e pizzichi a bilioni,
a diluvio i secuzzoni
non vi dico che vivo fuoco
si faceva per ogni luogo!
Tetettè quà pistolettate
tattattà là schioppettate
tuttuttù quà le colubrine
bubbubbù là i cannoni!

Ma di cantare sono stanco
e mi manca ora il fiato
perciò datemi licenza
grazioso e bel pubblico
Permettete che beva "un terzino"
alla salute di lui e di lei
sennò mi si secca il gargarozzo
svuotandosi il polmone!

(traduzione di http://www.perogatt.com/anu/guarracino.htm )

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono propriet dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti