Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

diario : Ieri, oggi, domani
di fulmini , Sun 11 April 2010 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Ho aperto un blog singolare il 9 settembre 2006. La stagione seguente è diventato blog-rivista, e un anno dopo sito-rivista. Ringrazio infinitamente tutti coloro che hanno partecipato alle amichevoli imprese, e proseguo la ricerca del fare insieme nel sito-officina http://www.pasqualemisuraca.com

Fulmini


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/4/2010 12:11  Aggiornato: 12/4/2010 12:38
Autore: Pietro

Fulmini, nostro animatore e nostro "incipit" non molla mai. Neanche quando fa capire di voler mollare.
Sarebbe un danno (per tutti noi, per Lui, forse- dico immodestamente- per l'Italia- se il sito cessasse di esistere; o anche solo se sospendesse la sua esistenza. Chè le sospensioni, molto spesso, sono definitive, al di là delle intenzioni. Poi pentirsi sarebbe tardi.
Sicché, dico a me stesso, - ma anche a Fulmini- e anche ai coautori: ma non possiamo rilanciare questo sito- riveduto e modificato- per affermare ciò che serve a questo nostro Paese?
Possibile- dico io- che l'opposizione, in Italia, debba essere lasciata a Grillo e i suoi? Lo dico con tutto il rispetto, ma con grande convinzione.
E aggiungo: non potremmo pensare a trasformare questo sito in qualcosa di maggiormente politico, lasciandone intatto il vigore intellettuale, per fare quello che secondo me serve in Italia, vale a dire una opposizione bella linda e pulita, oltre che adeguata ai tempi?
Questa è solo una idea che io butto là, senza presunzione alcuna e con una certa voglia di ascoltare l'effetto che fa. Un saluto a tutti.
Pietro Pacelli
Inviato: 12/4/2010 16:32  Aggiornato: 12/4/2010 16:32
Autore: fulmini

@ Pietro Pacelli

Dialogando con Giuliano Cabrini poco fa ho scritto che "una eventuale ripresa del sito-rivista incentrato sulla politica, come auspica Pietro Pacelli (la ritengo possibile). La politica, la vecchia politica dominata dai partiti e caratterizzata da una logica burocratica-e-militare, e la nuova politica caratterizzata da una logica intellettuale-e-morale e dalla ricerca di nuove forme di associazione molecolare-e-solidale, mi interessano sommamente come soggetto di analisi critica e campo di proposta concreta."

Aggiungo che la ripresa (possibile solo se ben temperata - dotata cioè di una accordatura innovativa) richiede la formazione di un gruppo consistente di coautori decisi ad una intrapresa di largo respiro e lunga lena.

Pasquale Misuraca
Inviato: 13/4/2010 15:45  Aggiornato: 13/4/2010 15:45
Leggendo, vedendo, ascoltando pareri, rappresentazioni, analisi intorno alla situazione politica storico-italiana, poco fa ho visto-e-ascoltato un video del sito tv.repubblica.it

Ho sorriso, in maniera sarcasticamente appassionata naturalmente, più volte. Ne rendo simpaticamente partecipi i lettori-spettatori-ascoltatori-visonatori del sito-rivista: http://tv.repubblica.it/copertina/eugenio-scalfari/45364?video

Pasquale Misuraca
Inviato: 15/4/2010 13:18  Aggiornato: 15/4/2010 13:18
(Continuando a dialogare con Pietro Pacelli e Giuliano Cabrini, e con i lettori silenti eppure partecipanti)

L'altro ieri segnalavo come esemplare una 'testimonianza internet' di Eugenio Scalfari sulla situazione storico-politica italiana. Eugenio Scalfari, l'autentico oppositore politico (sul piano intellettuale e morale) di Silvio Berlusconi.

Oggi propongo come esemplare una 'lettera aperta' di Hans Küng, il vero oppositore politico (sul piano intellettuale e morale) di Joseph Ratzinger.

http://www.repubblica.it/esteri/2010/04/15/news/hans_kung-3359034/

Pasquale Misuraca
Inviato: 19/4/2010 12:09  Aggiornato: 19/4/2010 12:09
Autore: Pietro

A distanza di otto giorni osservo la quantità (e la qualità) delle reazioni al Post "finale" di Fulmini.
E guardo perplesso, riflettendo sulla cosa.
Inviato: 20/4/2010 15:32  Aggiornato: 20/4/2010 15:32
per bacco!
ho sentito dire che si vuol chiudere il sito-rivista.
me ne dispiaccio.
quanto alla ''svolta politica'',
vi chiedo se intendete: fare informazione sulla politica di palazzo oppure tentare la scalata al palazzo?
grazie,baci di bok.

p.s.: non chiudete, tutt'al più subappaltate.
baci,bok.
Inviato: 20/4/2010 16:14  Aggiornato: 20/4/2010 16:14
@ bok

Perché dispiacersi che le cose, gli esseri umani, le iniziative "chiudano"? In questi giorni ho assistito, incredulo, al dispiacere per la morte di Raimondo Vianello, un uomo di 87 anni che molto ha dato e molto ha ricevuto. Io per me sarei dispiaciuto se fosse morto un giovane, non un vecchio, e sono infatti dispiaciuto che siano morte proprio oggi due studentesse di scuola media in gita scolastica a Ventotene - seppellite da un crollo prevedibile e imprevisto.

Dunque, l'iniziativa 'sito-rivista' è nata, si è dispiegata, ha dato quel che poteva dare, si è "chiusa". O forse è soltanto "congelata" - in attesa di nuove sue possibili reincarnazioni. Chi vivrà vedrà. L'ipotesi pacelliana è interessante, l'ho condivisa, ed ho chiarito in quale prospettiva. Chi ha fiato parli.

Pasquale Misuraca
Inviato: 20/4/2010 18:17  Aggiornato: 20/4/2010 18:17
piena sintonia su l'affaire vianello.rivendico il diritto al dispiacere.personalmente ritengo che qui,inevitabilmente,piacevolmente(ché l'incontro del gusto è incontro di pensiero), si sia spesso fatto ''politica'': con la musica,con razeto e un mondo possibile più equo,col diritto e il rovescio di giuseppe,con fotografie,con l'architettura.e se a tutto avete accostato la poesia,non vuol dire che abbiate fatto male!ribadisco,quindi,il mio dispiacere per la perdita di un'area verde,che magari verrà trasformata in parcheggi per automobili o in centro commerciale,con parcheggi per automobili.
rispetto la libertà e la naturalità degli eventi,compresa la morte.
baci di bok.
Inviato: 22/4/2010 11:56  Aggiornato: 22/4/2010 11:56
Autore: bovary

sono assolutamente d'accordo con bok... la mia breve esperienza in questo sito rivista mi ha dato veramente tanto. quotidianamente andavo a vedere cosa ci fosse pubblicato e trovavo sempre qualche spunto stimolante di riflessione... perchè finiscono solo le cose belle??? Mi pare che la televisione come fabbrica di volgarità a buon mercato non chiuda mai! nel mondo di oggi dominato dalla tirannia della maggioranza omologata, le minoranze hanno bisogno di non sentirsi isolate, di ritrovarsi in valori comuni, di spazi di incontro tra propri simili per ritrovare energia e forza senza sentirsi schiacciate dalla massa urlante di ripetitori di luoghi comuni... spero di ritrovarvi. un saluto da bovary
Inviato: 22/4/2010 12:40  Aggiornato: 22/4/2010 12:40
@ bovary, bok, Pietro Pacelli – ed altri di cui dirò

Concordo con te, con bok, con Pietro. Che fare?

Il mio sogno di sito-rivista era ed è semplice: trenta coautori, ciascuno dei quali una volta al mese pubblica un post lungamente meditato sul tema da lui/lei prescelto, conversa con gli altri coautori e con i lettori nei ‘commenti’.

Si va affermando ragionevolmente l’idea del sito-rivista multitematico: bovary si candida per la rubrica ‘fotografia’, Pietro Pacelli per ‘politica’, bok non ho capito bene per cosa, altri scalpitano nell’ombra, io sceglierei ‘haiku’...

Trenta, il numero giusto è trenta per un mensile-quotidiano...

E i lettori, le lettrici, che dicono? Che pensano?

Pasquale Misuraca
Inviato: 22/4/2010 19:22  Aggiornato: 22/4/2010 19:22
se il tutto comprende il nulla,io mi propongo per questo.posso scriverne o,più comodamente laddove non rientrasse nelle linee editoriali, leggerne.solo parole: non dispongo di estro e tecnologie adeguate per altre forme espressive...qualora servisse riempire...chè son ''nullologo'',ma ho paura del vuoto.
baci,bok.
Inviato: 23/4/2010 2:17  Aggiornato: 23/4/2010 2:17
@ bok

Bene: una rubrica di parole. Tema... questo non l'ho capito. Spendi ancora qualche parola chiara e tonda, e faremo un altro passo insieme.

Pasquale Misuraca
Inviato: 23/4/2010 16:28  Aggiornato: 23/4/2010 16:28
Filippo Piccione (rubrica 'lo Stato del Meridione') mi fa sapere che condivide l'appello e la possibilità di riprendere la
pubblicazione nel sito-rivista, e assicura il suo impegno.

Pasquale Misuraca
Inviato: 23/4/2010 17:06  Aggiornato: 23/4/2010 17:06
non si cammina sulle parole leggeri...se mi piacesse farlo,mi verrebbe da ''spendere'':sole,luce,cerchio,bolla,luna piena. o altre simili parole chiare e tonde.
tu sceglieresti haiku,bovary fotografia.avete determinato la forma della vostra espressione.poco o punto,se non la naturalità del soggetto) specificate intorno(parola tonda!) al contenuto...altri scalpitano nell'ombra...
a me piace parlare di uomo,abbastanza tondo,non sempre chiaro.
se avessi titoli legali in bacheca,avrei risposto:antropologia.sociologia.piante e fiori.
non avendone, rispondo:uomo.potrei parlarne scrivendo di pietre o di acqua.potrei farlo(venia per l'impudenza!solo funzionale al discorso.) in forma di haiku o di fotografia.
''qualora servisse a riempire''...sono disposto ad elaborare un intervento mensile, sotto forma di parole, intorno a uomo,soggetto naturale,abbastanza tondo,non sempre chiaro.*
baci,bok.

*fatta salva la disciplina giuridica sulle opere dell'ingegno e sul diritto d'autore.e fatto salvo il diritto dell'autore a non essere all'altezza dei coautori.
baci,bok.
Inviato: 23/4/2010 17:46  Aggiornato: 23/4/2010 17:46
@ bok

Bene. Vada per la rubrica 'uomo soggetto naturale'. Siamo ancora meno di dieci - aspettiamo altri coautori. Se partiremo, partiremo al completo.

Pasquale Misuraca
Inviato: 24/4/2010 8:04  Aggiornato: 24/4/2010 8:04
e vada!
spero si raggiunga il numero richiesto.chè dieci non posson fare per trenta.anche se...a dare retta ai modi di dire,chi fa da sè...i conti tornerebbero...anche se solo per modo di dire.
baci,bok.
Inviato: 24/4/2010 10:24  Aggiornato: 24/4/2010 10:25
Anche Orlando Lentini (rubriche 'saperi sociali' e 'critica della Repubblica') ci sta a riaprire il sito-rivista: "il sito è intelligente, colto ed esteticamente pregevole, dunque, lunga vita al sito. Vorrei aggiungere che forse anche la situazione politica italiana richiede la mobilitazione di tutte le forze democratiche e quindi anche del tuo sito per ristabilire il vivere civile nel paese".

Pasquale Misuraca
Inviato: 24/4/2010 16:07  Aggiornato: 24/4/2010 16:07
Anche 'didone' (rubrica 'i nostri inviati') è dell'idea di ri-animare il sito-rivista.

Pasquale Misuraca
Inviato: 24/4/2010 23:46  Aggiornato: 25/4/2010 0:13
Mi associo entusiasticamente alla idea di riaprire il sito. Quando ho saputo della sua chiusura, ho scritto personalmente a Pasquale Misuraca, non pubblicamente perché non volevo fare pressione su di lui, sapendo che la manutenzione attiva e creativa di un sito-rivista come questo implica un grande impegno, dedicazione di tempo, di risorse economiche, ecc.
Ritengo che questo sia uno spazio di grandissimo valore intellettuale, artistico, morale e anche politico, e la sua chiusura costituirebbe una perdita per tutti coloro che ci eravamo abituati ad entrare in esso per scoprire quasi ogni giorno una nuova opera: poesia, musica, fotografia, racconto, video, dipinto, ecc.
Credo che se vogliamo avere questo sito per ancora molto tempo, dovremmo impegnarci a sostenerlo in tutti i modi che siano necessari, cioè attraverso l'aggiornamento delle nostre rubriche, la diffusione fra i nostri conoscenti, e anche, chi possa farlo, attraverso contributi economici che sopportino il lavoro necessario a mantenerlo.
Luis Razeto
Inviato: 25/4/2010 10:28  Aggiornato: 25/4/2010 10:28
freedom.
Inviato: 26/4/2010 9:36  Aggiornato: 26/4/2010 9:36
Condivido l'idea di Pietro Pacelli, sulla necessità, nel nostro paese, di una bella linda e pulita opposizione politica. Tuttavia vorrei capire meglio, Che cosa vuol dire opposizione? Non è più sufficiente opporsi al governo Berlusconi, occorre combattere il berlusconismo, ieri mattina parlando al telefono con Pasquale ho espresso le mie opinioni a proposito, ieri sera ho ascoltato in televisione Nicki Vendola che diceva sostanzialmente le stesse cose che sono poi le cose che dice, con parole diverse, Paolo Ferrero. Sono uomo di partito (PRC) proprio per questo credo che per fare una opposizione seria dobbiamo guardarci indietro, capire gli errori che i partiti hanno fatto e avere il coraggio di una critica severa anche nei confronti dei nostri partiti di appartenenza, chiederci se questi partiti devono essere riformati, se sono riformabili o se la stessa forma partito ha perso la funzione per la quale è nata.
Solo con il coraggio di mettersi in discussione fino in fondo, nel mio caso rinunciando ad un sentimento di appartenenza partitica, che deriva da anni di militanza, possiamo iniziare a combattere il berlusconismo, un metodo di pensiero, o meglio di non pensiero, che si sta rapidamente diffondendo. E' disarmante sentire certi politici dell'opposizione fare giri di parole riuscendo solo a dimostrare che non sanno cosa fare. Che cosa sta succedendo? Ho sentito persone che si definiscono di sinistra provare simpatia per Fini solo perché su alcuni temi è in disaccordo con Berlusconi. Certamente mi interessa la proposta di Pietro Pacelli, un buon argomento di discussione insieme ad altri argomenti. Togliamo dal congelatore il sito-rivista e continuiamo a concederci il piacere della musica di Venises. Ricordo che la cultura ha sempre fatto paura a certi strani personaggi della storia, i quadri espressionisti erano definiti degenerazioni, quella di Guido non è forse una grande operazione culturale?
Inviato: 26/4/2010 9:40  Aggiornato: 26/4/2010 9:40
Non so se è stato il congelatore a cancellare la scritta "unviaggiatore", la firma Giuliano Cabrini? Mah.
Comunque l'ultimo commento è il mio.

Arìgiuliano Cabrini
Inviato: 26/4/2010 16:06  Aggiornato: 26/4/2010 16:06
c'arisemo giuglià?
perdoni l'impudenza signor cabrini. tenterò,per quanto possa, di giustificare il moto cordiale del mio indice.
da quando si è detto:comunista è brutto,comunista cattivo! molti comunisti han creduto d'esser tutti brutti e cattivi,e per non dar scandalo di sè e della "categoria",si son ritirati a "miglior vita privata". autocritiche,autocensure,autodistruzione.concordo con l'assunto che,una volta "conosciuta" la proprietà privata,sia,per i più,
impossibile,rincorrere quella collettiva o,in subordine, quella privata per tutti(che è pur dire cose simili).
questo in premessa.
un po' oltre:è la forma partito o la sostanza dei partiti, a non trovare il suo, nostro, consenso?
nell'un caso basterebbe fondare,a caso,una polisportiva per cambiare le sorti del paese.nell'altro, sono le basi ideologiche a vacillare? gramsci non è più lui? ventotene è solo la spiaggia dove son morte due bimbe?o, piuttosto, son gli uomini che decidiamo nostri rappresentanti a violentare gramsci e le bimbe sulla spiaggia.sono gli extracomunitari ad occupare le nostre città,o siamo noi che riduciamo "la mia città" al tragitto casa-lavoro-supermercato-casa dei nonni? nel qual caso non basterebbero tutte le baionette indo-cinesi a "farci fare la rivoluzione". e siamo in dieci barra trenta! in realtà,e questo mi pare il punto,siamo alienati,divisi,isolati e confusi,per meglio essere"imperati".
si vuole stare chiusi nel nostro sicuro(a giudicare dai risultati,direi per niente sicuro) cantuccio,a farci convincere, dalla tv-massimo tramite di massa), che cosa comprare,mangiare,leggere,insegnare ai figli,votare? o vogliamo crearcela una piazza,per virtuale che sia(chè quella reale è,per ora,persa.).credo propendiamo per il sì. la forma scelta è sito-rivista,la sostanza è quella che introdurremo noi autori.non abbandoni, signor cabrini, i posti che son cari al suo cuore e alla sua mente,chè "questi" son palazzinari e appena tutti i cabrini saranno andati via,demoliscono e costruiscono centri commerciali o cantucci da cinquemila euro a metro-quadro...
parlare così è facile per me che sono inappartenente,ma solo perchè oggi è lunedì.
baci,bok.
Inviato: 29/4/2010 16:05  Aggiornato: 29/4/2010 16:05
Commenti a parte, questo post che rivela il congelamento in atto del sito-rivista ha suscitato molte comunicazioni private: telefonate, email, di protesta, di domanda.

Parecchi auspicano la riapertura del sito-rivista e s’informano su cosa io intenda fare. Ebbene, sono disposto a riaprirlo, avendoci lavorato senza risparmio e credendo ancora nel suo progetto, ma non a tutti i costi – dal momento che, per dirla con uno dei miei fratelli maggiori, “Solo chi vuole il fine vuole i mezzi idonei a raggiungerlo.” (Antonio Gramsci)

Ora, il fine di questo sito-rivista è descrivere (artisticamente, criticamente, scientificamente) lo stato di cose presenti nel mondo grande e terribile, e (da parte di chi si occupa di questioni del genere) proporre i modi teorici e pratici del passaggio ad un mondo non composto - come ancora per gran parte è - di padroni e servi, bensì di esseri umani pieni e completi, autonomi e solidali.

Quanto ai mezzi, prima di tutto vengono i coautori. Ebbene penso che, per riaprire il sito-rivista, condizione preliminare sia la costituzione di un gruppo consistente (più o meno 30) di coautori disposti a pubblicare ogni mese un post lungamente meditato e sapientemente lavorato, non solo: interessati a leggere ogni giorno il sito-rivista (che è appunto, nel progetto, un mensile-quotidiano), ed eventualmente commentarlo entrando in dialogo costruttivo con gli altri coautori ed i lettori partecipanti elaborativamente, e diffondere sua notizia presso amici e conoscenti, in modo tale che tali conoscenti e amici possano fare parimenti presso i propri conoscenti e amici, e in questo modo si attui una espansione orizzontale e molecolare della comune iniziativa intellettuale e morale.

Insomma, sono contento del fin qui fatto, spero di fare insieme ancora e meglio, ma non ho nessuna intenzione di abbassare il tiro e riaprire sottotono il sito-rivista: “Tutte le vie conducono a Roma, eccetto le vie di mezzo.” (Arnold Schönberg)

Pasquale Misuraca
Inviato: 30/4/2010 12:16  Aggiornato: 30/4/2010 12:16
Autore: Pietro

Fulmini,
condivido le tue ultime osservazioni; ben detto. sono del parere che le squiccherate non seguite da impegni precisi non hanno molto senso. E, come noto, la rivoluzione (parolone forse-certo superfluo in questo contesto)non è un pranzo di gala ma neanche una disinteressata, stanca passeggiata che si fa, di volta in volta, in un sito.
Penso non sia necessario aggiungere altro.
Inviato: 5/5/2010 14:52  Aggiornato: 5/5/2010 14:52
In questo caso, sarei felice di essere uno dei collaboratori mensili. Rimbocchiamoci le maniche e facciamo quello che ci piace fare, senza dibattere troppo sui dettagli.
Nefeli
Inviato: 5/5/2010 15:57  Aggiornato: 5/5/2010 15:57
D’accordo, Nefeli. Questo è il vaso che ha fatto traboccare la goccia – per dirla con Venises.

Riapro il sito-rivista.

I coautori mi spediscono i post ( misuracapasquale@gmail.com ), li pubblico nelle rubriche esistenti – che diventano solidali - secondo le loro forme-e-contenuti. Le foto, larghezza 640 pixel, prego.

Pasquale Misuraca
Inviato: 5/5/2010 23:59  Aggiornato: 5/5/2010 23:59
sono contento, è una buona decisione e cercherò di essere partecipe.
fabio ascani
Inviato: 6/5/2010 8:47  Aggiornato: 6/5/2010 8:47
@ Fabio Ascani

Ottimo. Il tuo primo post mensile potrebbe testimoniare l'esperienza civile di Vallericcia, che intreccia interessi particolari e valori generali.

Pasquale Misuraca