Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 109 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Eraclito non era eracliteo - filoSofie - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

filoSofie : Eraclito non era eracliteo
di fulmini , Mon 12 October 2009 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

{Ho letto (grazie a suo padre Franco Brocani) la tesi di laurea di Nuria Scapin, donna multiforme che ha già fatto capoccetta nel sito-rivista con la poesia Il granchio, l’oro, lei. Ho sentito-compreso-capito qualcosa di rilevante su un terreno che non mi è del tutto sconosciuto, e nel contempo sono stato deliziato dalla sua rigorosa e ricca, magra ma non dura, forma. Riporto di seguito il brano che ripensa e riscrive uno dei testi filosofici universalmente noti, il frammento 49 di Eraclito. Pasquale Misuraca}

«nello stesso fiume entriamo e non entriamo, siamo e non siamo»

Prima di passare alla nostra analisi, è forse utile ricordare la caratteristica del “divenire” eracliteo, a cui spesso questo frammento viene associato. Nella concezione di Eraclito l’accento non batte sul perpetuo scorrere delle cose, ma sugli urti; il divenire è frutto del perenne conflitto di vita e morte, in cui quel che è vita per un ente è morte per l’altro e viceversa, sicchè anche noi «siamo e non siamo». In Eraclito domina principalmente l’idea della concordia discorde per cui « il conflitto è padre di tutte le cose», e in questo egli si distingue dagli eraclitei seriori, per i quali diventa primaria l’idea dell’universale fluire (tutto scorre): idea che il nostro non accentuò e forse nemmeno espresse mai. Eraclito non era un eracliteo.

Anche in questo frammento 49 è l’idea dell’identità-diversità del fiume a prevalere, il fiume che è sempre se stesso perché è quel fiume che è, e sempre diverso perché cambiano sempre le sue acque. Ora, Seneca, riferendo la prima parte di questo frammento, la chiarisce con un accenno di singolare importanza: «Hoc est, quod ait Heraclitus : “in idem flumen bis descendimus et non descendimus”. Manet enim idem fluminis nomen, aqua transmissa est.» (traduzione) > “Questo è cio che dice Eraclito: “nello stesso fiume due volte scendiamo e non scendiamo.” Infatti, mentre rimane lo stesso nome di fiume, l’acqua è scorsa.”

[...]

Per Eraclito non è il flusso infinito del fiume in quanto “divenire” a determinarne il fascino simbolico, bensì il suo costituire un’antitesi rispetto all’identità racchiusa nel nome del fiume, una discordia piuttosto che una concordia immediata della cosa con se medesima. Eppure tale antitesi ha bisogno di una condizione affinché si realizzi: che l’identità nominale giaccia sullo stesso piano dell’identità reale e che l’una e l’altra abbiano la stessa valenza obbiettiva. Se i termini del fiume non si trovassero sullo stesso piano, esso sarebbe di nome e muterebbe di fatto (senza destare alcuna sorpresa), mentre il fiume “è” – nel senso in cui abbiamo inteso il verbo essere del primo frammento, cioè “è sempre presentemente vero”- di nome e muta di fatto (creando così una contraddizione).

(Nuria Scapin, ‘Il Logos in Parmenide ed Eraclito’, Università degli Studi di Siena, Facoltà di lettere e Filosofia, Corso di laurea in Lettere Classiche, Relatore: Alberto Borgogno, Anno Accademico 2006-2007.)

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono propriet dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/10/2009 9:25  Aggiornato: 12/10/2009 9:25
D'ora innanzi, di fronte alla vista di un fiume che mi scorre davanti, sarò assalito da molti pensieri e/o considerazioni.
luigi
Inviato: 12/10/2009 10:00  Aggiornato: 12/10/2009 10:00
Autore: fulmini

@ Luigi

Si vede che tu ed Eraclito siete proprio diversi.

Tu hai sempre avuto un buon rapporto con l'acqua, specie in forma di mare. Lui, invece, non ebbe mai buoni rapporti con l'acqua (specie in forma di fiume); quando aveva dieci anni, il padre lo costrinse a immergersi in un fiume e quel giorno bevve molta acqua; Eraclito nutrì da allora un odio profondo per l'acqua.
Inviato: 12/10/2009 12:13  Aggiornato: 12/10/2009 12:13
da wikipedia

"Panta rei os potamòs (dal greco πάντα ῥεῖ), tradotto come Tutto scorre come un fiume è il celebre aforisma attribuito ad Eraclito, ma in realtà mai esplicitamente formulato in ciò che dei suoi scritti conosciamo, con cui la tradizione filosofica successiva ha voluto identificare sinteticamente il pensiero di Eraclito con il tema del divenire, in contrapposizione con la filosofia dell'Essere propria di Parmenide. L'espressione proviene da un frammento del trattato Sulla natura:

« Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell'impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va. » (91 Diels-Kranz)

In questo frammento Eraclito sottolinea come l'uomo non possa mai ripetere la stessa esperienza per due volte, giacché ogni ente, nella sua realtà apparente, è sottoposto alla legge inesorabile del tempo. Altrove tuttavia Eraclito sottolinea che v'è un Logos, sottostante a questo continuo mutamento, un'armonia profonda che governa in modo oscuro e inconoscibile la perenne dialettica fra contrari, che provoca il divenire perpetuo delle enti sensibili."
Inviato: 12/10/2009 12:55  Aggiornato: 12/10/2009 12:55
Anni fa, per niente io Filosofo (con la F maiuscola) mi sono dilettato a leggere il volumetto, semi-serio, "Panta Rei" di De Crescenzo; esperienza ripetuta questa estate, con la stessa avidità e gusto.
Poi, però ho fatto il bagno a mare e nel lago; non nel fiume.
luigi