Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 109 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Francesco Petrarca - Eftimios - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Eftimios : Francesco Petrarca
di fulmini , Fri 2 October 2009 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Per due ragioni propongo in questa rubrica (che è diventata, finito di pubblicare il racconto a puntate Vita breve di Eftimios, una sorta di antologia della poesia italiana a Eftimios dedicata) Erano i capei d’oro a l’aura sparsi, il sonetto 90 del Canzoniere di Francesco Petrarca:

Erano i capei d’oro a l’aura sparsi
che ‘n mille dolci nodi gli avolgea,
e ‘l vago lume oltra misura ardea
di quei begli occhi ch’or son sì scarsi;

e ‘l viso di pietosi color’ farsi,
non so se vero o falso, mi parea;
i’ che l’ésca amorosa al petto avea,
qual meraviglia se di sùbito arsi?

Non era l’andar suo cosa mortale,
ma d’angelica forma, et le parole
sonavan altro che pur voce humana:

uno spirto celeste, un vivo sole
fu quel ch’i’ vidi; et se non fosse or tale,
piagha per allentar d’arco non sana.

*

Ecco ora la ‘traduzione in prosa’ del sonetto – per rendere sufficientemente comprensibile il testo ai non specialisti della lingua petrarchesca:

I biondi capelli erano sparsi al vento il quale in mille dolci nodi li avvolgeva, e la vaga luce oltre misura ardeva di quei begli occhi che ora hanno perduto lo splendore di un tempo;

e mi pareva che il viso, non so se in realtà o per mia illusione, si colorasse di pietà (Chiari); io che avea l’animo disposto e apparecchiato ad accendersi di amore (Leopardi), qual meraviglia se di sùbito arsi?

Il suo incedere non era quello di un essere mortale, ma di un angelo (Chiari), e le parole avevano altro suono che quello di una semplice voce umana (Leopardi):

uno spirito celeste, un sole in carne e ossa (Contini) fu quel che io vidi; e se ora non fosse più quale era allora, una ferita non si rimargina anche se l’arco da cui è partita la freccia che l’ha provocata non è più tesa (Contini).


*

E veniamo alle mie ragioni. In primo luogo l’ho scelto perché è pieno di pressione e nello stesso tempo colmo di grazia (grace under pressure – grazia sotto pressione / grazia nonostante la pressione, si dice memorabilmente in inglese).

Pieno di pressione, cioè di cultura: vi si intravede la frequentazione e lo studio, da parte di Petrarca, delle poesie di Virgilio, Ovidio, Dante, Boccaccio – per dire dei maggiori. E colmo di grazia nonostante la pressione. Cosa rara. Di solito chi studia studia studia e poi cerca di scrivere... ri-produce quello che ha studiato, realizza una pallida copia dei grandi modelli letterari. Invece in questo sonetto Petrarca (non gli succede sempre, sia chiaro) traduce tutti gli Altri in tutto Io, rielabora tutto il passato in qualcosa che non c’era ancora e non ci sarà più. Ebbene, Eftimios era così: perennemente creativo.

In secondo luogo ho scelto questo sonetto per il primo suo verso. Rileggiamolo parola per parola, cogliendo l'allucinatoria progressione della visione (i capelli > biondi > al vento) incorniciata dallo strazio iniziale dell'imperfetto (Erano) e dalla gioia seminale dell'addio (sparsi):

Erano

i capei

d’oro

a l’aura

sparsi


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono propriet dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 2/10/2009 10:14  Aggiornato: 2/10/2009 10:14
Autore: bovary

uno spirto celeste, un vivo sole
fu quel ch’i’ vidi; et se non fosse or tale,
piagha per allentar d’arco non sana.
questo è il verso che mi commuove di più... meravigliosamente vero.
Inviato: 2/10/2009 21:48  Aggiornato: 2/10/2009 21:48
Autore: fulmini

...a l’aura... Petrarca scrive ‘l’aura’ e pensa a Laura (naturalmente), ma non soltanto, pensa anche altro, Francesco, come tutti i grandi poeti intrecciando tutti i fili in un nodo irresolubile.

Nel post ho parafrasato ‘aura’ con ‘vento’, e vabbene, ma occorre considerare ancora che aura vuol dire anche, meno genericamente, brezza, venticello leggero, soave, e generalmente aria, aria non ferma bensì mossa, trepidante, e particolarmente fiato, soffio, e in senso lato atmosfera, fisica, morale, sentimentale. Vogliamo poi dimenticare che il nome proprio Aura deriva forse da ‘aurum’ - oro in latino? ...i capei d’oro... E l’aura dell’oro è il lume che n’esce – Tommaseo.