Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

il legame : Michelangelo contro Michelangelo
di venises , Tue 11 August 2009 6:30
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Michelangelo - Conversione di San Paolo nella Cappella Paolina, Città del Vaticano
Michelangelo :
Conversione di San Paolo


Michelangelo Buonarroti-Crocifissione di San Pietro nella Cappella Paolina, Città del Vaticano
Michelangelo:
Crocifissione di San Pietro


Caravaggio-Crocifissione di San Pietro, Cappella Cerasi, Santa Maria del Popolo, Roma
Michelangelo :
Crocifissione di San Pietro


Caravaggio-Conversione di San Paolo nella Cappella Cerasi a Santa Maria del Popolo a Roma
Michelangelo :
Conversione di San Paolo



Chiesa di Santa Maria del Popolo, Roma

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 11/8/2009 16:44  Aggiornato: 11/8/2009 16:44
Autore: fulmini

Accostamento commovente.

Vedo il giovanissimo Michelangelo Merisi appena giunto a Roma, osservare il vecchissimo Michelangelo Buonarroti in opera e pensare:

"Accidenti come si muovono queste figure! I miei occhi non possono stare fermi un istante su nessuna di esse, passano dall'una all'altra come presi in un vortice... Se farò in seguito qualcosa su questi soggetti, cercherò di dipingere la scene in modo che tutto si plachi, si blocchi, si concentri in un istante carico di tensione, in cui tutto il passato e tutto il futuro si condensino... Mi viene in mente Mirone e il suo discobolo, Policleto e il suo Apoxiomenos, Prassitele e il suo Hermes, Fidia e il suo giovane che conduce al sacrificio il vitello, insomma tutta la scultura greca classica, classica, quella prima del movimento perpetuo della scultura ellenistica (manieristica) dell'altare di Pergamo, del Laocoonte e tutto il resto..."
Inviato: 12/8/2009 1:25  Aggiornato: 12/8/2009 22:21
Autore: venises

Caro Venises,
credo d'aver smascherato il tuo titolo ingannatore!

Quel "contro" si riferisce alla contrapposizione spaziale dei due dipinti (i due nella Cappella Paolina così come i due della Cappella Cerasi) e non ad una contrapposizione (nel senso di contrasto) fra il Buonarroti ed il Merisi: al contrario!.
È la prima volta - col Buonarroti - che i due padri fondatori della Chiesa sono rappresentati uno di fronte all'altro, così. È l'ultima opera del Buonarroti (che confessa al Vasari essere la pittura a fresco troppo gravosa per un vecchio): assolutamente non convenzionale, viene ignorata (a favore dei vicini freschi della Cappella Sistina): da subito, da tutti. No, non proprio da tutti: noi siamo certi che c'è stato almeno 1 visitatore attento ed ammirato, un grande artista che è rimasto "folgorato" (avete notato i due Paolo? Troppo vecchio quello del Buonarroti, che vi si autoritrae; Caravaggio risponde con un Paolo esageratamente giovane: perché?), un artista che della lezione s'approprierà in modo profondo - cioè attraverso una rielaborazione radicale (per es.: riproducendo solo il centro dell'azione, invertendo la disposizione spaziale reciproca di Pietro e Paolo, intervenendo sull'età di Paolo, etc).
Continuità fra i due Michelangelo (Buonarroti e Merisi), contrapposizione di questi al resto del mondo.

P. S. = la Cappella Paolina - recentemente restaurata - è chiusa al pubblico.
Inviato: 12/8/2009 16:25  Aggiornato: 12/8/2009 16:28
Autore: fulmini

@ Venises

Dici bene: Caravaggio riproduce "solo il centro dell'azione" dell'opera michelangiolesca che proponi, specchiando il successore nel precursore - fratelli.

Certo. Perché? Perché (secondo me, certo) Michelangelo parla a tutti insieme, dall'alto, Caravaggio parla a te, a te che passavi di là, hai visto, ti sei fermato, ti sei avvicinato fino ai piani a figura intera, facendo di te un testimone privilegiato, un 'tu'.

Per Michelangelo è l'Antico Testamento il libro chiave, per Caravaggio il Nuovo Testamento.
Inviato: 10/2/2020 19:51  Aggiornato: 10/2/2020 19:52
Un intervento di Antonio Forcellino su Michelangelo, e anche in particolare sulla Cappella Paolina
https://www.youtube.com/watch?v=K3S5a9XXrpg&list=PLA-XQFodJoNmMHVYq3xChXMBf318JQcrC