Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

haiku rimati : Allegri semi
di fulmini , Tue 14 July 2009 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Allegri semi
ti gemmano beata
roccia crepata.


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 14/7/2009 18:50  Aggiornato: 14/7/2009 18:50
Questa poesia mi fa venire in mente il vangelo di Marco, quando racconta che Gesú "si mise a insegnare lungo il mare. E si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli salì su una barca e là restò seduto, stando in mare, mentre la folla era a terra lungo la riva. Insegnava loro molte cose in parabole e diceva loro nel suo insegnamento: "Ascoltate. Ecco, uscì il seminatore a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada e vennero gli uccelli e la divorarono. Un'altra cadde fra i sassi, dove non c'era molta terra, e subito spuntò perché non c'era un terreno profondo; ma quando si levò il sole, restò bruciata e, non avendo radice, si seccò. Un'altra cadde tra le spine; le spine crebbero, la soffocarono e non diede frutto. E un'altra cadde sulla terra buona, diede frutto che venne su e crebbe, e rese ora il trenta, ora il sessanta e ora il cento per uno".

Cos'é, una cosa come un completamento della parabola con una altra possibilitá?

Anna M.
Inviato: 14/7/2009 21:45  Aggiornato: 14/7/2009 21:45
Autore: fulmini

@ Anna M.

Sì, avevo in mente la parabola narrata da Marco. Ma non prima di scrivere l'haiku. Mi è venuta in mente mentre lo componevo.

L'altro tema, l'altra immagine, da cui è nato l'haiku è la roccia - figura dura, solida, integra - che mostra un suo modo d'essere insospettato, modo accogliente, protettivo, materno. 'Beata', non solo anche se, ma proprio perché 'crepata'. Crepata, poi, vuol dire non solo spezzata, rotta, frantumata, ma anche morta... (crepare equivale a morire) e il discorso si fa più complesso: al morire si oppone il gemmare, e l'allegria si specchia nella beatitudine...
Inviato: 14/7/2009 23:19  Aggiornato: 14/7/2009 23:19
Autore: eleonora

E dunque, defunta la durezza, la roccia è diventata accogliente.
Mi infonde speranza questo haiku.
Inviato: 15/7/2009 19:14  Aggiornato: 15/7/2009 19:14
La roccia non è dura e fredda.
La prima intensa emozione che prova chi ha avuto modo di fare arrampicata, come lo scrivente, è il calore della roccia alla quale ci si avvicina con leggerezza. E lei risponde con calore.
Petilino
Inviato: 16/7/2009 17:08  Aggiornato: 16/7/2009 17:08
Autore: AlfaZita

C’è un modo di vedere la natura fuori di noi, altro da noi.
E le pietre : “quelle che stanno sempre lì, indifferenti al nostro menare”.

Ma c’è anche un altro modo di vivere le contraddizioni di questo mondo.
C’è anche Paul Celan (poeta che armonizza con le mie corde) che si perde nella montagna cercando se stesso, tentando di stabilire un dialogo con la pietra,

E scrive:
“ Ancora vi sarà un occhio/ pur estraneo, accanto / al nostro:muto /
sotto palpebra di sasso. // Venite,forate le vostre gallerie! // Vi sarà un ciglio, /rivoltato all’interno nella pietra, /fatto d’acciaio dal pianto abolito,/ la più aguzza delle punte. // Esso davanti a voi compie l’opera / come vi fossero ancora fratelli, poiché vi è pietra.”

Dell’haiku "Allegri semi", non dirò niente.
Va letto e riletto fino a diventare eco.
Inviato: 17/7/2009 17:27  Aggiornato: 17/7/2009 17:27
Autore: fulmini

@ Petilino

Osservazione inattesa, e commovente. Inattesa per inesperienza: sono marino e campagnolo - la montagna la conosco poco, le arrampicate poi le evito in ogni modo (tra l'altro, soffro di vertigini).
Inviato: 17/7/2009 17:32  Aggiornato: 17/7/2009 17:32
Autore: fulmini

@ AlfaZita

Il tuo commento m'ha dato molto da pensare... anche in questioni del genere siamo profondamente affini. Sono (per dirla grossolanamente) un panteista soggettivo. Un giorno pubblicherò su questo nostro sito-rivista un breve testo in merito e te lo dedicherò.

Questo Paul Celan, poi, che mi ostino a non leggere... si rivela attraverso le tue parole un poeta di prima grandezza...
Inviato: 18/7/2009 22:42  Aggiornato: 18/7/2009 22:42
Autore: AlfaZita

@fulmini

Visto che cominci a desiderare Paul Celan, vado ancora un po’ avanti.

Nel 1999 aprendo il libro “Luce coatta”, vengo a conoscere
Paul Celan (1920-1970):
scolami via
dall’incavo del gomito.

Porta con te quest’unico
Battito

Nasconditi in esso,
fuori.

Durante tutta la lettura a fiume un dolore costante mi assaliva: averlo conosciuto tardi,aver ignorato a lungo la sua poesia …e come tutte le consapevolezze tardive mi metto a rimediare…cercando altre sue poesie…suoi scritti. E cercando lui trovo Ossip Mandel’stam (1891-1938):

“ Io mi porto questo verde alle labbra-
Questo vischioso giurare di foglie-
Questa terra che è spergiura:madre,
Di bucaneve, aceri, quercioli.
………… ……………………………”

L’ho conosciuto poggiata su una colonna di una libreria centrale di Roma, nel libro : ”Mandel’stam-Cinquanta poesie-” a cura di Remo Faccani-Einaudi-; leggevo,leggevo e non sentivo lo strusciare delle vesti, il brulichio delle voci della libreria.
Rimasi in piedi a leggere:

Una indicibile tristezza
ha spalancato gli occhi,
un vaso di fiori s'è svegliato
ed ha versato il suo cristallo.
Tutta la stanza è impregnata
di languore-dolce rimedio!
Un così piccolo regno
ha risucchiato tanti sogni.
Un po' di vino rosso,
un po' di maggio radioso
e la bianchezza delle piccole dita fine
che spezza il friabile biscotto.
………………………………………………………………”
Per me, fu un colpo di fulmine, come quello che avrà avuto Paul Celan, quando nella seconda metà degli anni cinquanta lesse per la prima volta Ossip Mandel’stam:

“Un vento nero fa frusciare le foglie
che respirano confuse
e una rondine, tremando,
nel cielo oscuro traccia un cerchio.
Il crepuscolo che avanza
discutendo in silenzio
nel mio cuore tenero e morente
con il raggio che per ultimo sparisce.
E sopra il bosco quando fa sera
s'alza una luna di rame;
perché mai così poca musica,
perché mai un tale silenzio?
…………………………………………………….”


Nessun altro poeta ebbe per Celan un impatto più forte e determinante.

Ecco una poesia di Celan di quel periodo della scoperta:

RIESCO ANCORA A VEDERTI: un’eco
Da palpare con parole
Tattili,sullo spigolo vivo
Del congedo.

Il tuo volto lievemente si adombra,
se ad un tratto
lucente come un faro si fa in me
quel punto ove
con più dolore diciamo: mai.

“Qualcosa di sconcertante, qualcosa di ambiguo, qualcosa di stonato”, dirà più tardi Celan di Mandel’stam.

Scopre anche il primo libro di poesie (1913) di Mandel’stam, dal titolo Kamen’ che vuol’dire Pietra;

Odio la luce
delle stelle monotone.
Salve, mio antico delirio -
crescita della torre ogivale!
Pietra, sii come merletto
e diventa una ragnatela.
Ferisci con un ago sottile
il petto vuoto del cielo!
Così sarà il mio turno -
sento un'apertura di ali.
Così - dove va
la freccia del pensiero vivo?
O forse, portati a termine la strada e la data,
io tornerò:
là - non posso amare
qua - ho paura di amare...



Celan legge e viene travolto da Mandel’stam.

Parlare con la pietra! Un esaltante scoperta dell’affinità elettiva con Mandel’stam, “compagno di strada”, loro di comune matrice ebraico- orientale.

E’ la tensione tra i tempi, il proprio e l’altrui, ciò che conferisce alla poesia di Mandel’stam quel vibrato sordo e doloroso al quale Celan si riconosce, lui, ossessionato dal tempo della propria vita:
come un' altra poesia di Mandel’stam del 1908:

“ Un tonfo cauto e sordo-un frutto
Dal ramo s’è staccato via-
Tra l’incessante melodia
Del bosco silenzioso, muto…
……………………………………….”


I critici collocano Mandel’stan e Celan alle origini della poesia moderna e a ragion veduta. Io aggiungerei, per non dimenticare quanto, un altro poeta grandissimo nei versi e nella lingua, ha aperto prima di tutti verso la poesia moderna,
Guido Cavalcanti(1260?-1300?):

“ Noi siàn le triste penne sbigottite
le cesoiuzze e ‘l coltellin dolente,
ch’avemo scritte dolorosamente
quelle parole che vo’ avete udite.
…………………………………………..”

E mentre Cavalcanti, ha “sbigottita” l’anima, io, con gli occhi nelle mani e l’udito ai piedi, vado avanti- indietro, tenendo nel cuore il suo sbigottimento.
Inviato: 19/7/2009 0:27  Aggiornato: 19/7/2009 0:27
Autore: fulmini

@ AlfaZita

Grazie. Ho letto. Ri-leggerò. (Mi pare che qui, nel tuo commento, si celi un modo... inatteso, inedito... di storia dei poeti e della poesia.
Inviato: 19/7/2009 18:11  Aggiornato: 19/7/2009 18:11
Autore: fulmini

@ AlfaZita, ancora

Scrivevo ieri: "inedita... storia dei poeti e della poesia", cominciando a riflettere sul tuo commento, o per meglio dire sulla tua testimonianza attuale e attiva...

Storia testimoniale - si potrebbe forse dire questa questa tua, pensata e scritta ricordando e intrecciando le letture tue di Celan, le sue di Mandel'stam, le ri-letture tue di Cavalcanti moderno tra i moderni...

Storia tutta al presente - i poeti assorbono tutto il tempo passato e futuro (e persino tutto lo spazio) in una catena di martiri sbigottiti, chiamandosi l'un l'altro attraverso lettori-poeti sospesi in librerie, case, treni, navi, aerei...

Storia attiva - imprevista dai giornali, dalle accademie, dalle dottissime ciarle / ecco infatti che prende la parola unendosi alla compagnia Majakovskij: "Professore, si tolga gli occhiali-biciclo. Io stesso racconterò del tempo, e di me!"...
Inviato: 19/7/2009 20:16  Aggiornato: 19/7/2009 20:16
Autore: AlfaZita

@Fulmini

Certo, la tua aggiunta è provocatoria!

Majakovskij (1893-1930) nel 1913 pubblica la sua prima raccolta di poesie Ja! (Io!) in trecento copie litografate. Muore suicida nel 1930 con un colpo di pistola al cuore.
Anche Celan ( 1920-1970) muore suicida, però sparisce nel nulla, forse gettandosi nella Senna .
Mantel'stam (1891-1938)nel 1913 pubblica, come Majakovskij, la sua prima raccolta: Kamen'-Pietra- .Deportato in Siberia per comportamenti controrivoluzionari, muore di stenti.
E Cavalcanti ( 1255-1300)? Muore in esilio di malaria, ma quella, è un altra storia.