Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 L'acqua dolce e quella salata ti piaceva - la lingua rubata - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

la lingua rubata : L'acqua dolce e quella salata ti piaceva
di AlfaZita , Sun 28 June 2009 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

cielo azzurro, fili della luce - pentagramma, cima di casa

'AlfaZita', Limassol (Cipro), 28 maggio 2009 9:01


d) L’acqua dolce e quella salata ti piaceva
nuotare da impazzire ti piaceva e la testa
con i pensieri liberi reti sparpagliate tiravi felice
pesci meduse libellule ti stregavi
sorpreso della vita ignaro ti ubriacavi.


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 29/6/2009 22:35  Aggiornato: 29/6/2009 22:35
Autore: fulmini

Poesia perfetta... ritta come una trottola infinita sul crudele tempo imperfetto...
Inviato: 30/6/2009 18:36  Aggiornato: 30/6/2009 18:36
Autore: AlfaZita

@Fulmini
Questo che ora tu vedi e porti a riflessione
covava nascosto, profondamente subdolo.

Allora il tempo si presentava in vesti lucide,
pieno di promesse, clemente ed illimitato.

Si allargava nella gioia del figlio, tutto tentacoli,
teneva ad arte gli specchi, moltiplicati riflessi del solo attimo;

-scenografia crudele la sua, rubata alla felicità che manovrava ingannevole-

solo,
un breve attimo,l’ubriacatura della vita mia,
moltiplicata all’infinito dalla breve vita sua.