Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

agathotopia : Ricci
di unviaggiatore , Sun 7 June 2009 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

scheletro di riccio coperto in parte da foglie secche

Giuliano Cabrini, Genova – sestiere Oregina, 5 maggio 2009 18:15


Chi può amare un riccio? Si può amare un cane che si lascia accarezzare il pelo morbido mentre lecca la tua mano, si può amare un gatto che fa le fusa e si struscia alla tua gamba, si può persino amare un topo che sale sul braccio per arrivare al tuo viso e appoggiare la sua testa sul collo. Ma chi può amare un riccio?

Quando ero bambino il quartiere dove vivo era diverso, c'erano rivi e sentivamo gracidare le rane, c'erano le lucciole e c'erano i ricci, a volte li vedevamo attraversare la strada. Il quartiere si è espanso, i rivi sono spariti insieme alle rane, non ho più visto le lucciole. Ho invece visto un riccio qualche giorno fa sotto un albero ai giardini pubblici, morto, è stato schiacciato. Ormai era solo ossa ed aculei, l'indifferenza o la poca simpatia per un simile animale lo aveva lasciato consumare al sole, neppure gli addetti alla pulizia lo avevano raccolto.

Mi è venuta in mente una vecchia signora forse perché dicevano che era schiva come un riccio. Si chiamava Cesira, non parlava quasi con nessuno, e quasi nessuno era interessato a parlare con lei, assorta nei suoi pensieri a volte non rispondeva neppure a un saluto, passava le giornate alla finestra. Dicevano che era diventata un po' matta, per anni aveva guardato in strada sperando di vedere tornare suo figlio disperso in Russia durante la guerra, poi si stancò e morì. La sua assenza non fu notata, se ne accorsero giorni dopo sentendo l'odore della morte uscire dalla sua porta. Se ne andò così Cesira, tra l'indifferenza di molti come un riccio.


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti