Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

fotoGrafie : Il fantasma di un albero
di fulmini , Sat 27 June 2009 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

tronco di albero e segni sul muro della sua chioma perduta

Pasquale Misuraca, Genova, 18 maggio 2009 6:03

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 27/6/2009 11:41  Aggiornato: 27/6/2009 11:42
Autore: eleonora

Ieri albero dalla chioma rigogliosa piena di merli, passerotti e rondini di passaggio, oggi, forse, spaventapasseri. Spero che la potatura abbia una giustificazione valida. Unica consolazione, forse, il resto di quest'albero sta godendo della "vista a mare". In effetti Genova è facile da comprendere: a nord i monti, a valle il mare. Stop. Altro che le "fette di torta" in cui sono divise altre città: vere e proprie sfide per chi, come me, non ha senso dell'orientamento!
Inviato: 27/6/2009 22:10  Aggiornato: 27/6/2009 22:13
Autore: fulmini

@ Eleonora

Vero verissimo: Genova e' disposta in maniera chiara. Come il Purgatorio (a proposito: sto lavorando a un Purgatorio dal quale non sempre e non solo si sale - in Paradiso - ma anche e parimenti si scende - all'Inferno).

Quanto al fantasma dell´albero, (anche questo) viene da una stroncatura (dalla potatura vengono i morti). Fantasmi e morti, comunque, lasciano segni, sui muri, nei cuori.)
Inviato: 1/7/2009 21:56  Aggiornato: 1/7/2009 21:56
Autore: fulmini

ancora @ Eleonora (e ai lettori-ascoltatori-visionatori tutti)

Rileggendo la mia risposta al tuo commento mi rendo conto che sono stato criptico.

Volevo dire... ciò che avevo visto - e che mi aveva spinto a fare quella foto: l'ombra, la traccia, l'impronta della chioma di un albero (poi crudelmente mutilato), il quale albero, nel suo insieme organico, grazie all'azione, alla partecipazione, alla complicità del vento, ha lasciato sul muro vicino i segni visibili della sua vita agitata.

L'insieme m'è sembrato uno spunto interessante per la rappresentazione fotografica d'un fantasma, dei fantasmi. (Chissà cosa ne pensa Alberto, che è riuscito a fotografare persino gli angeli...)
Inviato: 2/7/2009 11:50  Aggiornato: 2/7/2009 11:50
Autore: eleonora

Ah, ora vedo traccia della chioma dell'albero sul muro.
La prima volta mi ero solo concentrata sul tronco. Ahi, ahi, ho guardato, ma non ho visto! (Come direbbe Alberto!)