Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

racconti di racconti : Albertina e Alberto
di fulmini , Sat 25 April 2009 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Sarà perché i bambini disegnano ciò che sanno e non ciò che vedono, perché si rendono conto intuitivamente del fatto che gli adulti - oggi - non hanno una coscienza bensì due coscienze (*), perché sono meravigliosamente metaforici, perché adorano fare una domanda e aspettare la sua risposta (**). Comunque sia, l’altro ieri Albertina figlia ha domandato ad Alberto padre: “Com’è che gli uomini hanno il contorno nei disegni e nella vita no?”


(*) L’uomo-massa ha due coscienze teoriche (o una coscienza contraddittoria), una implicita nel suo operare e una superficialmente esplicita o verbale.” (Gramsci, Quaderni)
(**) Il tempo che corre tra una domanda e la sua risposta contiene sempre tutto l’Inferno e tutto il Paradiso.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 25/4/2009 17:07  Aggiornato: 25/4/2009 19:26
perché nella realtà ogni particella, anche la più invisibile è in armonia con le altre, come se l'uomo non finisca con la punta del naso o dei piedi.
nei disegni, invece, quasi tutti disegniamo una cosa poi un'altra e ancora altre cose.e quando non siamo in grado di disegnare le cose più invisibili, rimane vuoto e si crea il contorno.
ciao albertina.
baci, bok.