Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Plana lo storno - haiku rimati - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

haiku rimati : Plana lo storno
di fulmini , Mon 16 March 2009 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Plana lo storno
sul platano. Nel becco
un ramo secco.


Alle cinque della sera di martedì 24 marzo, alla libreria Odradek di Roma (via dei Banchi Vecchi, 57), Vanda Perretta e Roberto Finelli presentano Solo nel verso. Quattro parole, vino, pane, olive, strette di mano.


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 16/3/2009 21:18  Aggiornato: 16/3/2009 21:18
Caro Fulmini, questo haiku mi sembra molto elegante, anche se non folgorante come, per restare solo agli ultimi, "Lapislazzuli". E' elegante, per esempio, il richiamo allitterante di "plana" e "platano", e la giustapposizione di "sul platano. Nel becco", che crea un curioso effetto surreale. Elegante anche che, avendo aperto con un'allitterazione, tu chiuda con una rima, e del resto il becco puo' ricordare nel colore e nella forma arcuata un ramo secco. E' un haiku molto orientale e descrittivo, molto tradizionalmente giapponese, mentre quelli che a me piacciono di piu', dei tuoi, sono dominati dall'epifania di un'immagine poetica, e sono molto occidentali e "misurachiani".
Mi spiacera' non esserci, come temo, il 24 marzo, ma sapete che vi pensero'. Molti abbracci,
S.