Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Eftimios : Presenza e Assenza
di fulmini , Thu 12 March 2009 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

mandorlo fiorito in un cortile di via Prenestina

Roma, cortile prenestino, 11 marzo 2009

Quasi mai sento la mancanza di Eftimios, vivo alla sua presenza - fatta di pensieri, allucinazioni, meditazioni, ricordi, proponimenti, sogni ad occhi chiusi e aperti. Solo, talvolta, quando vedo qualcosa di specialmente commovente come questo mandorlo, mi giro a cercarlo per mostrarglielo e non lo trovo – allora sì mi manca.


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/3/2009 7:38  Aggiornato: 12/3/2009 7:38
Assenza presente nel grande enigma della Natura.
Inviato: 12/3/2009 8:41  Aggiornato: 12/3/2009 8:41
Autore: unviaggiatore

Ricordo una partita a calcetto in un centro sportivo vicino a Roma. Dopo aver fatto scendere le palline venne dalla mia parte - Tu sei amico di papà? -
-Si-
- Allora io ti voglio bene -

Giuliano Cabrini
Inviato: 12/3/2009 12:24  Aggiornato: 12/3/2009 12:24
Nome bellissimo Eftimios, sarebbe il portatore di gioia; la sua assenza trasforma la gioia e l'incanto dello sboccio dei fiori del mandorlo, l'implicita promessa di un frutto che arriverà in estate, in un momento commovente e condiviso, dove per un attimo l'assenza diviene presenza.
Un saluto da Garbo
http://garbo.ilcannocchiale.it/
Inviato: 12/3/2009 13:21  Aggiornato: 12/3/2009 13:21
Autore: fulmini

@ Anonimo

La natura tutta intera è un enigma (io penso) mai interamente risolvibile, per tante ragioni - Protagora riassumeva mirabilmente: "La brevità della vita umana e la complessità dell'argomento..."

Anche certi esseri umani, fra i quali Eftimios, resteranno un enigma, intorno al quale girare in punta di piedi.
Inviato: 12/3/2009 13:26  Aggiornato: 12/3/2009 13:26
Autore: fulmini

@ Giuliano Cabrini

Adesso che mi ci fai pensare, Eftimios, nell'arco della sua vita, non è stato nemico di nessuno. L'inimicizia era un sentimento estraneo al suo modo di pensare e agire.
Inviato: 12/3/2009 13:28  Aggiornato: 12/3/2009 13:28
Autore: fulmini

@ Garbo

Eftimios vuol dire portatore di gioia, certo. Così è stato, così è. Anche tu lo testimoni. Grazie.
Inviato: 12/3/2009 17:13  Aggiornato: 12/3/2009 17:13
Ciao Fulmini.
Petilino
Inviato: 12/3/2009 21:53  Aggiornato: 12/3/2009 21:53
Autore: fort

Ciao.
Un salutone
Inviato: 12/3/2009 23:17  Aggiornato: 12/3/2009 23:17
Autore: fulmini

@ Petilino e @ Fort

Questa vostra testimonianza a levare, questa discrezione, questo dire siamo qui ma volentieri fuori del cono di luce dell'occhio di bue... merce rara. Buona serata.
Inviato: 13/3/2009 1:18  Aggiornato: 13/3/2009 1:18
Ottava elegia

Ma chi ci ha rigirati così
Che qualsia quel che facciamo
È sempre come fossimo nell’atto di partire?
Come colui che sull’ultimo colle
che gli prospetta per una volta ancora
tutta la sua valle, si volta, si ferma, indugia-
così viviamo per dir sempre addio

Rainer Maria Rilke

Un abbraccio

Astrea
astrea
Inviato: 13/3/2009 10:50  Aggiornato: 13/3/2009 11:11
Autore: Pietro

Fulmini, ...il tempo... scorre?
Inviato: 13/3/2009 11:07  Aggiornato: 13/3/2009 11:07
Autore: ethos

Il tempo, fugge. Il ricordo permane. Idealizzato e presente. Ma è l'eternità continuità al tempo presente.

http://ethos.ilcannocchiale.it/2009/03/07/coming_soon_stanley.html
Inviato: 13/3/2009 13:33  Aggiornato: 13/3/2009 13:33
Autore: fulmini

@ Pietro

Bella domanda.

Ascolta: una delle molte ragioni per cui tu mi piaci (mi convinci e mi commuovi) come essere umano è che sei contemporaneamente adolescente-maturo-anziano. Questo mi porta a dire una parola o due su come io vivo il tempo.

Lo vivo come un albero, correndo trascinato nel fiume, come il fiume che lo trascina - scorrendo, come il mare che aspetta tutti e due. Passato, presente, futuro, io li vivo insieme contemporaneamente. Per essere più precisi: li vivo creativamente, compiendo atti creativi (nei miei limiti): nell'atto creativo passato e presente e futuro sono una sola cosa.
Inviato: 24/9/2010 18:06  Aggiornato: 24/9/2010 18:06
Autore: fulmini

"Narravano i Greci che Fillide, una principessa tracia, s'invaghì di Acamante, figlio di Teseo, sbarcato nel suo regno mentre navigava verso Troia. Al ritorno delle navi greche la fanciulla, dopo averlo atteso invano, morì disperata. La dea Era, impietosita, la trasformò in un mandorlo che Acamante, giunto in ritardo, non poté fare altro che abbracciare sconsolato. Da quel giorno, primo fra tutti gli alberi, il mandorlo fiorisce alla fine di gennaio." (Alfredo Cattabiani, Florario.