Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Nuria Scapin - Eftimios - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Eftimios : Nuria Scapin
di fulmini , Mon 2 March 2009 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Per questa antologia di fiori-di-carta, questo giardino della poesia italiana dedicato ad Eftimios - oggi ho scelto la poesia di Nuria Scapin:

Il granchio, l’oro, lei.

Marmo il mare
equoreo, vasto tempio
dorato.

Rubescendo il granchio
di sbilenco, di vedetta
in difesa dell’orma
sedotta dal mare.

Eccesso rosso concentrato
con le chele protese
inzaccherate di pepita.

Mentre s’allontana il marinaio
sul mare di marmo
scivolando nell’oro

teso nel suo essere umano
rifulgendo di sudore, penso
al granchio già lambito.

Penso all’orma c’hai lasciato
sacerdotessa indaffarata
a preparare il temporale

calmo il mare, marmo
levigato, vasta angoscia
equorea.

L’antica seta delle
Onde hai trascurato
per addensare il temporale.

Non c’è un guizzo un’increspatura
né riverbero un po’ frale
solo l’ora d’oro d’un ipocrita
decoro.

Morta è anche la fiaba, trascurata,
le Ondine l’oro non cercano
pazze d’armonia, ciascuna suicidata
d’oro per la scia
marmificata.

Il granchio anch’esso prende commiato

dacchè signora vaga
l’hai dimenticato
e l’oblio del flutto non paga
e presta nulla a un invitato.

Ma la quiete non favorisce
quesito né richiesta
dunque taccio dentro a un tempio
frasi avanti un temporale.

Le mani contratte sulla sabbia bruciata
troppo sale nella gola per parlare la tua sete
(poich’ogni dubbio chiami empio)
ciottolerei esasperata
e mentre poca resta all’orma attesa di sparire

spero mi dica cosa vale
tutto questo oro e quel che vieta,
sacerdotessa indaffarata,
quando non posso bere la tua seta.


*

Prima di tutto per il suo incipit, che intreccia il cinema moderno alla letteratura antica. (Faccio notare lo zigzagare dei piani visivi: primo piano, totale, piano a figura intera, dettaglio, campo lungo, primo piano... e la rotondità delle parole.)

In secondo luogo perché (in questa poesia tutta intera) questo connubio non è disperato, come in Non è un paese per vecchi, o manierato, come in tanta nuova poesia nata vecchia, e allude ad un mondo inestricabilmente vecchio e giovane, antico e moderno, passato e presente.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 2/3/2009 11:24  Aggiornato: 2/3/2009 11:24
un fiore di carta e di cristalli liquidi.
baci,
bokkaglio.
Inviato: 3/3/2009 0:59  Aggiornato: 3/3/2009 0:59
Autore: AlfaZita

Benvenuta tra noi Nuria.

Il tuo alare giovane
rimette il fiato in corpo
trasale nei ricordi del mare di marmo.
Inviato: 5/3/2009 20:37  Aggiornato: 5/3/2009 20:37
Sudore antico, quiete moderna
Nel tempio un rituale di ali burrascose,

contemplazione e celebrazione,

Nataraja,
Inviato: 7/7/2011 22:52  Aggiornato: 7/7/2011 22:52
brava nuria da chi ti pensa sempre nadia carboni