Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 haiku rimati - A ogni ora - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

(1) 2 3 4 ... 931 » (sfoglia)
haiku rimati : A ogni ora
di fulmini , Mon 6 April 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Ogni secondo
la città cambia corpo
fino all’orco.

Commenti?
leOpereeiGiorni : Morire, sognare forse
di fulmini , Sun 5 April 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  



Un film nato da un sogno

In questi giorni di coronavirus, chiuso in casa, ho finito l’opera delle mie opere cinematografiche, e la regalo telematicamente al maggior numero possibile di spettatori, pubblicandola su YouTube.
Si intitola «Vita e morte e miracoli di Eftimios», e inizia con un breve video: entro in campo in una stanza, inquadrato dalla mia digitale posta su un cavalletto, mi siedo e guardando in macchina parlo (trascrivo l’essenziale):

Questa mattina, 2 novembre 2019, ho fatto un sogno. Mi trovavo proprio qui, entravo in campo, mi sedevo e parlavo dell’adolescenza, di Pasolini, di Bauman… A un certo punto, riflettendo sull’adolescenza e gli adolescenti, ho cominciato a parlare di Eftimios figlio mio morto adolescente, ho ripetuto il suo nome più volte, ed ecco, dietro la digitale che mi registrava nel sogno e che mi sta registrando, ho visto apparire Eftimios! Ho provato ad alzarmi ma Eftimios mi ha detto: – No, papà, non puoi farlo, perché i vivi e i morti possono sognarsi e nel sogno vedersi e parlarsi – a questo servono i sogni – ma nella realtà non possono toccarsi, abbracciarsi… Siamo divisi, come davanti allo specchio dal vetro, come nel cinema dallo schermo. E mentre lo ascoltavo, ho sentito che suonavano alla porta, in sogno, e gli ho detto: – Va bene, Eftimios, però ascolta: non scomparire. Non possiamo abitare lo stesso spazio, facciamo così: io esco a destra e tu entri a sinistra, scambiamo i nostri due spazio-tempo… E così abbiamo fatto nel sogno: sono uscito dall’inquadratura, Eftimios è entrato, si è seduto qui al posto mio e si guardava intorno… e si sentiva il mio allontanarsi e aprire la porta e poi avvicinarsi dei passi ma non i miei passi, i tacchi di una donna si sono avvicinati, e quando sono arrivati in primo piano Eftimios ha guardato dietro la digitale, ha visto sua madre, Alexandra, che è entrata in campo e lo ha abbracciato e baciato…

Ecco. Mentre raccontavo in video questo sogno mi è diventato chiaro che la figura di mio figlio, la sua vita e i suoi miracoli, il rapporto tra noi, hanno costituito il fuoco gravitazionale di tutte le mie opere di cinema e televisione, sono andato a rivederle, le ho montate come tessere di un mosaico, ho realizzato il film-documentario di 1 ora e 36 minuti che ora potete vedere e ascoltare liberamente al seguente indirizzo telematico:

https://www.youtube.com/watch?v=e5hreaIQvy4&t=2s
(Vita e morte e miracoli di Eftimios)

(Alias, sabato 4 aprile 2020)

https://ilmanifesto.it/un-film-nato-da-un-sogno/

Commenti?
leOpereeiGiorni : Ora tocca a voi
di fulmini , Sat 4 April 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Sono un vecchio felice. Per tante ragioni private, e una pubblica: ho scoperto che il vecchio mondo sta morendo e un nuovo mondo sta nascendo, e l'ho mostrato in tante opere di scienza e arte.

Questa stessa scoperta l'hanno fatta, in epoche diverse, il cristianesimo e il marxismo, ma oggi queste due grandi concezioni del mondo e della vita sono in crisi, e bisognava rifarla oggi in modo nuovo e costruttivo.

Non mi vanto di ciò che ho fatto, nei lavori di scienza con Luis Razeto, in questa direzione

Luis Razeto e Pasquale Misuraca

Alexandra Zambà, Luis e Pasquale al lavoro, 30 gennaio 2011


e del resto ho, abbiamo soltanto cominciato questa nuova costruzione intellettuale e morale, ora tocca a voi. Ma sono felice, maledettamente vecchio, e benedettamente felice.

Ah, dimenticavo: non fatevi ossessionare dal coronavirus, è soltanto una pandemia, che risolveremo in pochi mesi. Il problema vero è questo: la risolveremo costruendo un modo di vivere storicamente progressivo, o attuando un modo di vivere storicamente regressivo, come hanno provato a fare nel Novecento il fascismo e il nazismo?

http://pasqualemisuraca.com/sito/index.php/scienza/196-la-vita-nuova-versione-multimediale.html

Commenti?
leOpereeiGiorni : Il mosaico vivo
di fulmini , Fri 3 April 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Riflettendo sul mio lavoro, al quale ha partecipato a più riprese negli ultimi venti anni come montatore, un amico, Mario Di Chiara, ha scritto l'altro giorno su Facebook:

"Nell'ambito del tuo fare appare come ciclica una sorta di rilettura di quanto costruito nel tempo."

Probabilmente aveva particolarmente in mente il film-documentario 'Vita e morte e miracoli di Eftimios', che ho pubblicato due settimane fa: https://www.youtube.com/watch?v=e5hreaIQvy4&t=279s

Al suo commento ho risposto così, sempre su Facebook:

"Vero è, Mario. Io penso che ogni nostra nuova opera non solo arricchisce ma anche riordina l'insieme delle opere già realizzate. In un certo senso ogni opera è una riscrittura espansiva delle opere precedenti, che diventano ciò che sono: tessere di un mosaico vivo."

Cosa ne pensano gli amici di Fulmini e Saette? Come vivono la concatenazione delle proprie opere?

Commenti?
fotoGrafie : Il balcone
di fulmini , Thu 2 April 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


balcone

Pasquale Misuraca, Il balcone labicano, marzo 2020

La pandemia coronavirus ha reso ancora più importante per me il balcone labicano. Le piante. C'è qualcosa nel modo di vivere delle piante che mi attrae, commuove - questo silenzio, questa grazia, questo colore.

Commenti?
(1) 2 3 4 ... 931 » (sfoglia)